МEНЮ
Забронировать тур

8 giorni/6 notti — pensione completa

da 6 partecipanti—580 €

LE DATE E LA QUOTA PER 2018

  • Dal 20 aprile al 27 aprile, da 6 partecipanti—580€;
  • Dal 4 maggio al 11 maggio, da 6 partecipanti—580€;
  • Dal 25 maggio al 1 giugno, da 6 partecipanti—580€;
  • Dal 7 settembre al 14 settembre, da 6 partecipanti—580€;
  • Dal 21 settembre al 28 settembre, da 6 partecipanti—580€;
  • Dal 5 ottobre al 12 ottobre, da 6 partecipanti—580€;

1° Giorno: MILANO-URGENCH
Partenza con volo di linea notturno da Milano per Urgench. Cena e pernottamento a bordo.

2° Giorno: URGENCH/ KHIVA
Arrivo al mattino, disbrigo delle formalita doganali, incontro con la guida e trasferimento in hotel, tempo a disposizione per relax. In tarda mattinata, inizio delle visite di Khiva: a soli 30 km da Urgench, la più intatta e remota città della Via della Seta in Asia Centrale con il complesso di Ichan Kala, fortezza con molti minareti circondati da cupole e edifici сhe testimoniano la ricca tradizione architettonica orientale, la Madrassa di Amin Khan, risalente alla seconda meta del 1800 e considerata una delle più grandi scuole coraniche, capace di ospitare fino a 250 studenti, la bellissima Moschea Juma (del Venerdì) con le sue 213 colonne di legno e il Bazar; visita della Fortezza Vecchia “Kunya Ark”, in cui il sultano aveva il proprio harem, le prigioni, le stalle, l’arsenale e la moschea. Pranzo in ristorante. Nel pomeriggio si continua la visita dei maggiori monumenti d’interesse, quale il Mausoleo Pakhlavan Mahmud, poeta, filosofo e lottatore leggendario, patrono della città, uno dei luoghi più belli della città per il suo cortile e le colorate piastrelle di ceramica, la bellissima Madrassa Islam Kohja del 1908 e il palazzo Tosh-Hovli (casa di pietra) impreziosito da sfarzose decorazioni interne in ceramica, pietra e legno intagliati, residenza costruita da Allah Kuli Khan tra il 1832 e il 1841 come alternativa a Kunya Ark. Pernottamento  in hotel

3° Giorno: KHIVA / URGENCH / BUKHARA
Colazione in hotel e partenza per Bukhara (460 km). L’ itinerario porta ad attraversare il fiume Amu-Darya e il deserto Rosso (Kyzilkum). Il deserto del Kizilkum (anche Kyzyl Kum e Qyzylqum) è un ampio deserto che si estende tra Kazakistan e Uzbekistan, in Asia centale. Il suo nome significa «le sabbie rosse». Il territorio è costituito per la maggior parte da una piana coperta di dune sabbiose. Arrivo a Bukhara e sistemazione in hotel. Tempo libero a disposizione. Cena in hotel.

4° Giorno: BUKHARA

Prima colazione in hotel. «Bukhoro — I — Saharif», «Bukhara la Nobile», fu il centro principale della grande Via della Seta, che compresa nel grande triangolo dell’est, assieme a Samarcanda e a Khiva ebbe largo contributo nello sviluppo dell’Asia Centrale. Inizio delle visite della città: il complesso Poi-Kalyan con il suo bellissimo minareto, intatto dall’ 880 , che fu quasi certamente alla sua costruzione l’edificio più alto dell’Asia Centrale, talmente d’impatto che fu risparmiato dalla follia distruttrice di Genghis Khan. Si prosegue con il bazar coperto, che ricorda gli antichi negozi e le case dei mercanti di cappelli e gioielli. Il Magok I –Atori, ex monastero buddista divenuto moschea che introduce al complesso Lyabi-Hauz, bella piazza attorno a una grande piscina, il cuore della città . Tra le scuole coraniche la Madrassa Kukeldash, che fu un tempo la più importante del paese e la Madrassa Nadir Divanbegi. Pranzo in corso di visite. Nel pomeriggio visita della fortezza di Ark, l’antica città reale, del prezioso mausoleo di Ismail Samani del 905 e del Chashma Ayub luogo sacro con la sorgente di Giobbe. Sosta ai Quattro Minareti (Chor Minor), uno dei simboli della città, costruito come una copia del disegno di Taj-Mahal in India. In serata rientro in hotel per la cena ed il pernottamento.

5° Giorno: BUKHARA / SHAKRISABZ / SAMARCANDA (300 Km + 170 Km)
Dopo la prima colazione in hotel, partenza per Shakrisabz (300 km),che in tagiko significa “Città Verde” , famosa perché diede i natali a Tamerlano. Gran parte dei luoghi d’interesse sono una sua opera o del nipote Ulughbek. Visita della residenza estiva di Tamerlano Ak Saray, la moschea blu Kok Gumbaz, la moschea del venerdì, la Casa della Meditazione Dorut Tilyavat e la Cripta di Tamerlano scoperta nel 1963. Prosecuzione del viaggio verso Samarcanda (170 km) attraverso uno scenario di campi e colline, vigneti e rigogliosi paesaggi, cittadine popolose e vive. Arrivo a Samarcanda e sistemazione in hotel. Cena e pernottamento.

6° Giorno: SAMARCANDA
Prima colazione in hotel e subito dopo inizio della visita di Samarcanda l’antica Marakanda. È una delle città più antiche del mondo, prosperata nel corso dei secoli grazie alla sua posizione strategica, posta lungo la via della Seta, un tempo fu la più ricca città dell’Asia Centrale e, per la maggior parte della sua storia fece parte dell’impero persiano. Molti sono i monumenti che raccontano la sua gloria e ricchezza, le visite inizieranno dal Mausoleo di Gur Emir dove troviamo la tomba del mitico conquistatore che qui fu seppellito dopo la sua morte avvenuta in Kazakistan nell’inverno del 1405 poiché i passi per raggiungere la sua città natale di ShakreSabz, erano bloccati per la neve. Si proseguirà con la bellissima Piazza Registan con le sue imponenti madrasse azzurre, la Moschea di Bibi Khanum, un tempo tra le più grandi moschee del mondo costruita secondo la leggenda per la moglie cinese di Tamerlano. Infine sosta al colorato e brulicante mercato Siab, dove l’incontro con la popolazione, soprattutto le donne che gestiscono gran parte degli spazi addetti alle vendite, è motivo di comunicazione e conoscenza. Da sempre il luogo dove più si comprende un paese è il mercato, a Samarcanda ma anche a Khiva, è ancora un momento di attività molto viva e importante. Pranzo in ristorante. Nel pomeriggio, prosecuzione con la visita della necropoli dei nobili Shaki Zinda, un luogo molto suggestivo dove sono sepolti famigliari di Tamerlano. Rientro in hotel per la cena ed il pernottamento.

7° Giorno: SAMARCANDA/TASHKENT (300 km)
Dopo la prima colazione in hotel, proseguimento delle visite di Samarcanda. Visita al complesso Imam Al Bukhari, luogo di sepoltura del maestro che raccolse la versione più completa degli scritti del Profeta, l’Osservatorio di Ulugbek recentemente restaurato, dove e custodito un immenso astrolabio alto più di 30 metri, il mausoleo di San Daniele (Hodja Donyior), in cui Tamerlano fece portare parte delle ceneri del Santo dalla tomba di Sush, in Iran, affinché Samarcanda acquisisse importanza anche dal punto di vista religioso ed infine il Museo Afrasiab. Pranzo in ristorante. Nel pomeriggio partenza alla volta di Tashkent, situata a circa 300 km. Lungo il percorso si attraverseranno ampie piantagioni di cotone, una delle più importanti risorse del paese. Arrivo in serata, sistemazione in hotel, cena e pernottamento.

8° Giorno: TASHKENT/MILANO
Dopo la prima colazione in hotel, inizio della visita della capitale Uzbeka. È un’antica città sulla via della seta che correva dalla Cina all’Europa. Poco rimane del suo passato a causa di un terremoto che la distrusse nel 1966 e soprattutto dalla realizzazione in epoca sovietica di un piano urbanistico elaborato sin dall’occupazione russa all’inizio degli anni 20. Oggi, con i suoi circa 3 milioni di abitanti, Tashkent è una città tipica dell’Europa Orientale, ricca di monumentali edifici amministrativi, immensi parchi ed enormi condomini. La parte più antica è costituita dal complesso Hasti Imam, cuore spirituale di Tashkent, dove si trovano la Madrassa Barak Khan e la moschea Tila Shaikh. Si visiteranno inoltre la Madrassa Kukeldash ed il Bazar Chorsu con la sua grande cupola verde. Tour panoramico dei quartieri moderni con la Piazza dell’Indipendenza, la piazza del Teatro Navoi e la Piazza di Tamerlano. Dopo il pranzo in ristorante, trasferimento in aeroporto e rientro in Italia con volo di linea per Milano Malpensa.

La quota comprende:

  • Pernottamento in Hotels 3*, 4* ( migliori nei posti)
  • Pensione completa (TUTTI CENE E PRANZI, ACQUA MINERALE E TE’ COMPRESI)
  • Trasferimenti da e per gli aeroporti
  • Guida in lingua italiana
  • Visite, ingressi ai musei e ai siti turistici
  • Trasferimenti in pullman con aria condizionata
  • Porta bagaglio
  • Cena a casa privata a Samarcanda (vodka e vino inclusi)
  • Spettacolo folcloristico di danza e canzone nella antica madrassa di Bukhara
  • Mappa turistica dell’Uzbekistan per ogni coppia o persona
  • Una bottiglia d’acqua all’arrivo
  • Un regalo artigianale p/p alla fine

La quota non comprende:

  • Volo internazionale dall’Italia
  • Assicurazioni
  • Visto Consolare
  • Supplemento singola: 90 €
  • Spese personali
  • Mance per la guida e gli autisti
  • Tutto quanto non incluso nella voce La quota comprende

ОТЗЫВЫ КЛИЕНТОВ

Valérie DAGUZAN ACCOSANO

France

Voyage inoubliable en Ouzbékistan, …. Que du bonheur entre la gentillesse des gens et la beauté des villes avec leurs medersas,.. Voyage que je recommande, tant par l’organisation que l’accueil,… À faire lors de la période des coquelicots, sublime paysage.

Stéphanie PISKORZ-MOULAINE

France

Je garde ce pays un souvenir merveilleux. On est rapidement subjugué par les paysages de montagnes majestueuses et les steppes infinies. On est plongé dans le passé en parcourant les routes de la soie où se mêlent l’orient et l’occident. La richesse de l’histoire et de la culture Ouzbeks sont à découvrir à travers les visites des villes de Khiva, de Boukhara et de Samarcande, des rues anciennes ou d’une soirée autour d’un feu de bois dans la steppe. J’ai adoré également la gentillesse des habitants, souriants et toujours prêts à se faire prendre en photos avec nous et l’esprit de tolérance au sein de cette population aux origines multiples et aux croyances différentes! L’Ouzbekistan est un pays moderne aussi avec des villes qui, si elles conservent une histoire soviétique, se modernisent et sont déjà de plain-pied dans le troisième millénaire. Ce pays entre tradition et modernité a été pour moi une vrai découverte et j’en conserve une grande nostalgie! Alors n’hésitez pas ! Allez découvrir l’Asie centrale et surtout l’Ouzbekistan!

Antonietta & Paola

Italia

A luglio 2017 abbiamo viaggiato lungo le strade dell’Uzbekistan, alla scoperta del passato glorioso di questa terra. Khiva, raccolta tra le sue imponenti mura millenarie; Bukhara dove «la luce nasce dalla terra»(un aforisma dell’Oriente islamico), i coloratissimi mercati e le splendide costruzioni di Samarcanda sono state le nostre incantevoli tappe. L’incontro con un popolo gentile ed amichevole,resterà per noi un ricordo indimenticabile.

Azeddine BELMOKHTAR

France

Nous avons parcouru L’Ouzbékistan sur la route de la Soie pendant 2 semaines fin octobre 2013. Les étapes de notre périple étaient : Tashkent, Noukous (en avion), la Mer d’Aral, Khiva, Boukhara, Samarcand, Tersak et retour à Tashkent. Ce pays présente des paysages et un patrimoine exceptionnels. Le peuple est très accueillant et chaleureux. Nous avons fait des rencontres inoubliables : sur un champ de coton, dans l’école d’un village ou encore sur les marchés. Nous avons eu la chance d’avoir un guide en permanence qui nous a révélé toutes les richesses des endroits que nous avons pu visité. Son organisation était sans faille tant sur la diversité des hébergements : hôtels, yourte, logements chez l’habitant, mai aussi sur le choix des restaurants et des menus proposés qui nous ont permis de goûter à une pléiade de savoureux plats ouzbèks.

Lucienne SMETS

Belgique

«Voyager en Ouzbekistan c’est trouver le dépaysement que le touriste recherche, rencontrer des gens très accueillants , découvrir des sites historiques qui peuvent remonter jusqu’au Moyen Age à l’époque de la Route de la Soie, s’aventurer dans le désert pour atteindre la mer d’Aral qui s’assèche mais y découvrir à sa place des falaises et des canyons magnifiques , bref un voyage à conseiller à ceux qui veulent sortir hors des sentiers battus».  Pour organiser un voyage en groupe ou en individuel, je peux vous recommander Samarkand Voyages. Tour-operateur est ouzbek , d’une grande disponibilité, parle français,  aime et connait très bien son pays.

Anne&Jean Pierre TAILLEMITE

France

Nous avons séjourné 12 jours en Ouzbékistan. Notre guide dont les coordonnées nous avaient été communiquées par une amie a été d’une totale efficacité. D’emblée nous avons été surpris qu’il ne nous demande pas d’arrhes pour préparer le voyage (nous étions huit). Sur place, il a fait preuve d’une grande gentillesse, étant prévenant, adaptant les efforts à nos capacités. Il parle un bon français. Il est réactif, capable de modifier un programme au dernier moment parce qu’un événement imprévu est survenu. Le guide est particulièrement consciencieux et généreux ; un soir il nous a accompagnés à un spectacle non prévu au programme dont il nous avait vanté les qualités et nous avons emprunté le minibus sans aucun supplément. C’est un homme qui aime et connait parfaitement son pays, son économie, son histoire, ses traditions, ses mœurs. Il en parle avec passion, mais sans « langue de bois », là encore en s’adaptant à nos attentes. Il est toujours souriant et de bon humeur. Bref, je vous recommande vivement cette agence de voyages avec lequel nous avons tous passé un voyage merveilleux.

Luca, Anna & Diego COSTI

Italia

La scorsa estate (2017) abbiamo deciso di visitare i paesi dell’Asia centrale KAZAKHSTAN-UZBEKISTAN-TURKMENISTAN., con una particolare attenzione alla „via della seta“ e alle tre città carovaniere di Khiva, Bukhara e Samarcanda. Ci siamo rivolti quindi all’agenzia di Samarkand Voyages per avere una pianificazione di viaggio ed un’assistenza completa visto che siamo una famiglia (con un figlio di 13 anni) e avevamo letto che in quei posti non tutti parlano inglese ma solo il russo. La guida, che parla benissimo italiano seppur autodidatta, e ci è stato sempre vicino con un’assistenza attenta e completa durante tutto il giorno. Quindi vi consigliamo di rivolgervi a questa agenzia di viaggi per un preventivo personalizzato e non abbiate paura di visitare l’asia centrale: ci siamo sentiti più sicuri là che in alcune zone dell’Italia ed Europa. Non ci resta che augurarvi buon viaggio!

Mody SACKO & Isabelle MAGNIN

France

Mody et moi avons été heureux de pouvoir visiter l’Ouzbekistan dans de si bonnes conditions. L’organisation était rigoureuse et le planning du circuit parfaitement respecté. Nous avons apprécié le choix des hôtels charmants et confortables et des restaurants variés et de qualité. Un grand merci à Samarkand Voyages pour toutes ces prestations de qualité et aussi à nos guides professionnels et attentionné tout au long du circuit. Pour toutes ces raisons, nous espérons revenir dans votre pays une autre fois, pour d’autres visites. Et nous recommandons à nos proches cette destination de voyage magnifique !

>
<